Atti di Altramarea

Dopo “Argonauti nel Golfo dei Poeti”, blitz poetico dal ponte della nave Argò, con Massimo Maggiari, Angelo Tonelli, Lorenzo Scandroglio, Luigi Olivetti, Gabriella Galzio, Anne Lowndes e gli interventi della soprano Antonella Tronfi accompagnata al pianoforte da Barbara Perazzo, a fine giugno, applaudito da duemila spettatori sul lungomare di Lerici, e la rappresentazione teatrale Alphaomega, con regia di Angelo Tonelli, a cui hanno assistito oltre 700 spettatori il 7 agosto nella Rotonda Vassallo dei giardini di Lerici, si è conclusa venerdì 16 e sabato 17 agosto a Tellaro, nella suggestiva piazza dell’oratorio n’Selaa la V edizione di Altramarea, Rassegna Nazionale di Poesia Contemporanea, coordinata e diretta da Angelo Tonelli e organizzata dall’Associazione Culturale Arthena di Lerici. Vero e proprio laboratorio poetico a cielo aperto, la Rassegna di Tellaro ha visto alternarsi a recitare propri testi alcuni dei maggiori poeti contemporanei (Tomaso Kemeny, Angelo Tonelli, Mario Baudino, Silvio Raffo, Beppe Sebaste, Riccardo Emmolo, Elio Grasso, Lucetta Frisa, Marco Ercolani, Massimo Morasso, Daniel Mancini, Francesco Macciò, Michele Baraldi, Luciano Mezzetta, Franco Romanò). Significativi gli interventi del “Duo in Rosa”, con Francesca Torri al flauto e Francesca Rossi al violoncello, che hanno eseguito musiche del ‘600 e del ‘700 su trascrizioni di Paolo Liberali, e la performance di Iride Varese Il fuoco e la rosa siano uno, con regia di Angelo Tonelli, che ha recitato intorno a un braciere ardente il finale dei Four Quartets di Eliot nella traduzione di Tonelli. Daniel Mancini, uno dei maggiori studiosi di Ezra Pound, ha dedicato un omaggio al grande poeta americano, celebrandone la poesia libera e visionaria, e recando l’adesione e un contributo di Mary de Rachewiltz, figlia del poeta e curatrice delle sue opere. Michele Baraldi ha proposto un omaggio a Pier Paolo Pasolini, leggendo brani da Le ceneri di Gramsci, e mettendo in risalto l’impegno e la capacità profetica del grande artista. Come già l’anno scorso, anche quest’anno ad Altramarea si è associata Artheniana, con installazioni per le vie del borgo ad opera di artisti figurativi. Da segnalare le splendide sagome dell’installazione Presenze di Sergio Mazzanti, che hanno ornato la facciata dell’Oratorio, facendo da sfondo ai recitals dei poeti, la drammatica opera di Paolo Pratali con aerei inarcati come delfini a memoria dell’11 settembre, gli alti steli luminescenti di Giuliano Diofili, scintillanti luci siderali nella notte magica in riva al mare, l’installazione di poesia visiva di Gianluca Cupisti e Mirko Mugnaini, e le notevoli opere di Mario Tamberi, con un bossolo di cannone riattivato come scacciaspiriti risonante al vento, Lucia Vignali, con un’ installazione luminosa e trasparente, tra a arcaismo e sperimentazione, Marie Laure van Hissenhoven e la sua spiritosa credenza con tanto di caffettiera allestita nel carugio centrale del borgo. Un grazie anche a Claudia Guastini, Paolo Fiorellini, Cristina Balsotti. Consacrata alla difesa del Golfo dei Poeti dai rischi di scempio ambientale a cui lo espone l’ampliamento sconsiderato del porto commerciale di La Spezia e il paventato dragaggio dei fondali, Altramarea 2002 è stata anche l’occasione per la proclamazione del Manifesto del Risveglio, promosso da Angelo Tonelli e già sottoscritto da Associazioni e nomi di livello nazionale e internazionale, lucido e allarmante appello a uomini e donne di cultura e a tutti i cittadini affinché si crei un movimento che impegni tutti i governi del mondo a ripensare il modello di sviluppo dominato dal Diodenaro, che sta portando il pianeta a un’apocalissi sempre più visibile. Se i governanti del mondo non compiranno una vera e propria, rapidissima conversione spirituale, e non arresteranno i processi di inquinamento industriale, seguiranno catastrofi inaudite. A chiudere le due serate davvero magiche, a cui hanno assistito nel complesso circa cinquecento spettatori, la voce della soprano Antonella Tronfi, dall’alta finestra dell’Oratorio, ha intonato lieder da Wolf, R. Strauss, Schubert, concentrati sul tema del Risveglio.
 
Angelo Tonelli
Presidente Arthena
 
 
Giunta alla sua quinta edizione Altramarea è uno dei più importanti festivals nazionali di poesia, conosciuto anche all’estero, occasione di incontro tra poeti e artisti, e di diffusione della poesia ad ampi strati della popolazione. Ancora una volta, ai poeti e agli artisti che hanno collaborato per la riuscita di questa ormai quinta edizione di Altramarea – tra i maggiori contemporanei – un ringraziamento da parte dell’Amministrazione Comunale della Città di Lerici, nella rinnovata convinzione che il Golfo dei Poeti debba diventare sempre di più un punto di riferimento nazionale e internazionale per chi ritiene che la poesia possa contribuire ad affinare la sensibilità e la cultura dei cittadini, e a migliorare il mondo con la sua carica ideale. Quest’anno Altramarea era dedicata a Pier Paolo Pasolini e a Ezra Pound, e alla difesa della bellezza del Golfo minacciato da un processo di ingigantimento irrazionale del porto di Spezia, che rischia di danneggiare irreparabilmente l’ecosistema, il nostro impareggiabile patrimonio ambientale, nonché la bellezza dei nostri luoghi, con grave danno per i lavoratori del settore turistico e per il suo stesso sviluppo. Poiché questo rischi permane, mi auguro che il messaggio lanciato dai poeti in difesa del nostro Golfo, da sempre meta di pellegrinaggi artistici illustri, dai due Shelley, a Lawrence, a Bertolucci, a Soldati, per non citarne che alcuni, sia fatto proprio da tutti.
 
Ing. Emanuele Fresco
Sindaco di Lerici